Si dice che chi ben comincia è già a metà dell’opera…e io non potevo partire in un modo migliore di questo: ho trovato la mia prima cliente, ma la cosa più importante è che è perfetta per me 😍

Non mi aspetto che tutti i miei clienti siano così ed è virtualmente impossibile trovare solo persone così compatibili, sotto tanti punti di vista; voglio però mettercela tutta per attirarne il più possibile, trasmettendo i miei valori e la mia personalità e riempendo il portfolio di storie di clienti felici e di progetti realizzati con amore.

E chissà, magari di nuove grandi amicizie come quella che sto per raccontarti ora.

Elena ha ereditato da sua madre un negozio di antiquariato a Genova, dal nome meraviglioso: “Rattopennugo” (se vai sul suo profilo Instagram @rattopennugo ha da poco pubblicato un post sulla carinissima storia di come hanno scelto il nome), che in genovese vuol dire “pipistrello”.

Il negozio aveva già un sito web posizionato discretamente su Google, ma era diventato esteticamente obsoleto e non convertiva adeguatamente i visitatori in potenziali clienti: alcuni entravano e si soffermavano a leggerlo, ma molti altri ne uscivano subito.

Così ci siamo fatte una bella chiacchierata, mi ha mostrato il suo bellissimo showroom, abbiamo parlato dei suoi clienti tipo e di come poter espandere il raggio d’azione, arrivando a portata di orecchio di più persone e attirando l’attenzione di una fetta di mercato più giovane.

Ed è proprio questa la parte che mi è piaciuta di più: voler sdoganare il concetto di antiquariato, perché non è tutto vecchiume barocco come si pensa comunemente, tutt’altro! E’ tradizione, storia, unicità e controtendenza…e tanto altro ancora.

Elena stessa, pur essendo un’antiquaria (giovanissima per quel mondo, ha 35 anni), ha un appartamento che è la cosa più moderna e piena di carattere che abbia mai visto.

Insomma, non è solo roba per vecchi e gattare. Provare per credere 😎

Il negozio di Rattopennugo è un po’ come uno scenario di una favola antica: totalmente immersivo, ti racconta delle storie e ti porta in realtà remote che noi ormai immaginiamo esistano soltanto nelle favole.

I colori dell’insegna e del logo (una bella R decorata di rampicanti) sono bordeaux e color crema e, a mio avviso, mai fu fatta una scelta più felice e adatta alla situazione.
L’immagine che questa palette ha evocato nella mia testa era perfettamente in linea con il mood che auspicavo di ricreare: una bella principessa, in un abito di velluto bordeaux, che legge le favole su un vecchio tomo dalle pagine spesse e leggermente ingiallite, in uno scenario romantico come un bel pergolato immerso nel verde.

Perché noi donne, quando facciamo shopping e arrediamo casa, vogliamo sentirci un po’ tutte principesse: circondate di belle cose, in una casa altrettanto bella, che è il nostro regno.

Così ho voluto riprodurre questo concetto anche nel sito web: un font calligrafico, fiori e foglie sparse qua e là, testi dal tono di voce sognante e confidenziale (con qualche punta di spontaneità, come l’anima di Elena).

Ho curato con particolare attenzione la pagina della loro storia, perché secondo me è importante raccontarsi a dovere, quando “ci si mette la faccia”. Inoltre, era troppo bella per non essere valorizzata in ogni minimo dettaglio!

Abbiamo lavorato anche sulla sua presenza social, in particolare per Instagram: lei ha voluto che le insegnassi a gestirsi da sola il profilo, così ho creato un piano editoriale e l’ho seguita passo passo nella pubblicazione, dal creare le storie, a scegliere le inquadrature per le foto, fino a riformulare le didascalie affinché attirassero meglio l’attenzione del suo pubblico.

E’ stato davvero un piacere lavorare con lei ed è nata una splendida amicizia, ma il vero valore aggiunto è che mi sono appassionata ad un mondo che non conoscevo (e quando comprerò casa, le chiederò sicuramente aiuto per arredarla); e poi Elena è un po’ una nerd, anche se non tecnologica quanto me.
Abbiamo una visione del mondo e della società molto simili, ci piacciono le stesse cose e lo stesso genere di persone, condividiamo lo stesso spirito imprenditoriale e una profonda passione per la musica.

Non potevo chiedere di meglio.

Grazie Elena di esserti affidata a me 💖

Vuoi realizzare un progetto simile a quello di Elena?

Puoi vedere il case study nel dettaglio su ChiocciaLab, l’agenzia di covatori digitali per artigiani e artisti.

.
Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!